IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Grandi Rischi: 19/11 udienza in Cassazione

«La notizia buona è che c’è stato un controllo di ammissibilità superato da parte della Corte. Certo non significa che possa determinare qualcosa ai fini del risultato finale, ma è comunque un passo avanti, il ricorso poteva essere dichiarato inammissibile e chiudere definitivamente la questione». Così l’avvocato Wania Della Vigna, una delle parti civili nel processo alla commissione Grandi rischi, che approderà al terzo e definitivo grado di giudizio il prossimo 19 novembre.

In particolare, sarà la quarta sezione penale della Corte di Cassazione a esaminare in modo definitivo il processo alla Cgr e a stabilire se, in quella ormai famosa riunione del 31 marzo 2009, a 5 giorni dal terremoto dell’Aquila del 6 aprile, gli esperti dell’organo scientifico consultivo della presidenza del Consiglio rassicurarono i cittadini e dettero false rassicurazione, causando la morte accertata di 29 di loro.

La sezione penale che se ne occuperà è quella deputata alla trattazione dei reati più gravi come l’omicidio colposo, contestato (assieme alle lesioni) ai 7 esperti condannati in primo grado a 6 anni di reclusione ciascuno dal giudice monocratico Marco Billi e assolti, tranne in parte uno di loro, l’allora vice capo della protezione civile Bernardo De Bernardinis a cui sono stati inflitti due anni, nel processo di Appello dal collegio giudicante presieduto da Fabrizia Francabandera.

L’avvocato Della Vigna fa notare che «è una cosa importante avere superato questo primo filtro che, negli ultimi tempi, sta diventando molto stretto perché i procedimenti pendenti sono tantissimi. Oltretutto, in caso di inammissibilità ci sarebbe stato anche un pagamento alla cassa ammende, e quindi ulteriori spese per le famiglie delle vittime».

Il processo ha assunto una rilevanza internazionale per la connotazione di “processo alla scienza”, provocando polemiche sia in primo grado sia secondo grado.

Legato al processo Cgr c’è il filone parallelo sull’ex capo dipartimento della Protezione civile, Guido Bertolaso, indagato per le stesse accuse: dopo due richieste di archiviazione del pm Picuti respinte dal giudice per le indagini preliminari, Giuseppe Romano Gargarella, nei mesi scorsi la procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello ha avocato a sé l’indagine, dividendola in due tronconi: il pg Como, cui è stata affidata l’inchiesta, ha chiesto per Bertolaso l’archiviazione dall’accusa di aver contribuito a causare la morte di alcune vittime del sisma del 6 aprile 2009, da un lato, e il rinvio a giudizio, e quindi il processo, per aver determinato altri decessi, dall’altro.

Di qui due appuntamenti in aula. In quello dello scorso 26 maggio, il giudice Gargarella ha archiviato definitivamente alcune posizioni. Il 16 prossimo settembre, invece, Bertolaso comparirà in aula dove un giudice per l’udienza preliminare (gup), Guendalina Buccella, valuterà se rinviarlo a giudizio oppure no per gli altri casi.