IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Perdonanza 2015, apertura a San Bernardino

di Claudia Giannone

Si entra nell’ambito della Perdonanza Celestiniana, attraverso un’iniziativa che riguarda la cerimonia di apertura: protagonista della giornata la BCC, Banca di Credito Cooperativo, che da tempo sta intensificando il proprio interesse nei confronti del capoluogo abruzzese.

Date le condizioni di Palazzo Margherita, che ha sempre ospitato l’accensione del tripode che dà ufficialmente il via alla Perdonanza, sarà San Bernardino il punto focale: una Basilica di grande interesse, soprattutto nel corso di quest’anno attraverso la sua riapertura, che nel corso dell’evento aquilano vedrà la visita da parte dei soci della BCC provenienti dalla capitale. Il segno di un legame che riguarda in primo luogo il turismo culturale tra Roma e L’Aquila.

Luci, musica e colori, quindi, ma senza rivelare niente di più: una sorpresa per tutta la città che a breve spera di poter tornare a collocare il suo avvenimento principale a Piazza Palazzo. Un avvenimento che, quest’anno, diverrà patrimonio immateriale dell’Unesco.

{{*ExtraImg_249708_ArtImgRight_300x225_}}Grande fiducia da parte del sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, che si sofferma proprio sul compito della BCC e sull’importanza che si sta dando alla città dell’Aquila.

«A fine 2009 – ha affermato – la BCC aveva già messo a disposizione cinque milioni di euro: questa è la dimostrazione del fatto che la Banca di Credito Cooperativo è molto presente sulla nostra città e ci sta aiutando in alcuni momenti decisivi. Abbiamo inoltre un grande progetto che potrebbe dare una nuova dimensione di servizio».

Grande sostegno dato alle attività: in totale, tra il 2012 e il 2014, 1.900.000 euro, di cui 650.000 alla città dell’Aquila, per tutti coloro che avevano dismesso le loro attività in seguito al sisma. Un aiuto concreto destinato a chi vuole cercare di ripartire in una città che, tra tante difficoltà, vuole trovare la via giusta: un legame tra vecchio e nuovo, tradizione della Perdonanza e innovazione della città.