IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ok contratto sviluppo Accord Phoenix, 67 posti

Invitalia ha firmato un Contratto di Sviluppo con Accord Phoenix per realizzare un nuovo stabilimento nell’ex polo elettronico dell’Aquila, al posto del vecchio sito produttivo di Flextronics. L’accordo è stato siglato a Roma da Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, e Ravi Shankar, presidente del Consiglio di amministrazione di Accord Phoenix.

L’investimento complessivo è di 35,8 milioni di euro, di cui 10,7 concessi da Invitalia. Il progetto prevede 67 assunzioni e consentirà di reimpiegare i lavoratori dell’ex polo elettronico rimasti senza ammortizzatori sociali dopo un lungo periodo di cassa integrazione.

Nel nuovo stabilimento saranno smaltiti e recuperati rifiuti elettronici, con l’obiettivo di ricavarne la materia prima per produrre brichette in rame e alluminio, nonché manufatti in vetro.

«Con la firma di oggi – afferma Domenico Arcuri, Amministratore Delegato di Invitalia – inizia un nuovo percorso di crescita industriale in un luogo, l’ex polo elettronico aquilano, che a lungo è stato un simbolo della crisi economica in Abruzzo. Il Contratto di Sviluppo siglato oggi si inserisce nel quadro dei molteplici interventi che la nostra Agenzia sta da tempo realizzando per il rilancio del cratere sismico aquilano».

«Sono realmente soddisfatto di questa firma – ha aggiunto Ravi Shankar, presidente di Accord Phoenix – a dimostrazione della serietà dei soggetti coinvolti: Invitalia, il Comune dell’Aquila e la Regione Abruzzo. Sono particolarmente contento, come investitore estero, di essere stato accolto con parametri di efficienza non inferiori a quelli degli altri Paesi europei».