IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Scout aquilano incontra il Presidente Mattarella

Di Nando Giammarini

Diceva Italo Calvino: [i]«Le associazioni rendono l’uomo più forte, mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia che raramente s’ha restando per proprio conto, di vedere quanta gente c’è onesta, brava e capace per cui vale la pena di volere cose buone».[/i]

Prendendo per buona questa definizione – dello scrittore neorealista autore del sentiero dei nidi di ragno e di tante altre opere di notevole elevatura culturale – salutiamo con gioia e soddisfazione il giovane sedicenne aquilano, Davide Scimia, che lo scorso 20 luglio ha onorevolmente rappresentato la nostra regione all’incontro con il Presidente della Repubblica al Quirinale.
Egli è un ragazzo- dal volto limpido e dal sorriso bonario di una buona e sana famiglia, prima forma di organizzazione sociale che implica obblighi e responsabilità – portatore di tanti valori primo tra i quali la generosità tipica dei fanciulli e quel grande senso di altruismo e solidarietà inculcategli dai suoi genitori. Premesso che qualsiasi forma di associazionismo laico o cattolico è una fonte di salutare ricchezza per i giovani poiché imparano a vivere insieme ed a rispettare gli altri in un naturale spirito di Comunità aggiungendo nuovi ed importanti tasselli alla loro formazione culturale ed umana. Ritengo che la partecipazione agli scouts dell’Agesci, del Cngei e di altre associazioni coinvolgenti ragazzi dai 6 ai 18 anni divisi in diverse branche sia una preziosa ricchezza volta ad educare allo spirito di gruppo, all’amicizia, al rispetto dell’ambiente di cui sono i veri paladini, alla socialità, tanti ragazzi: speranza del domani poiché futura classe dirigente. Nell’incontro di ieri al Quirinale, il Presidente Mattarella- esprimendo fiducia ai giovani in procinto di partire per il 23° Jamboree, un raduno scouts che si tiene in Giappone dal 27 luglio all’8 agosto, si è rivolto loro con queste parole:” La vostra capacità di vivere insieme è un esempio per tutti, il vostro è un appuntamento molto importante e affascinante che quest’anno assume un significato ancora più coinvolgente di quanto abitualmente non abbia… Quella del Giappone ha proseguito il presidente – sarà un’esperienza – per chi vi andrà, e sarete in tanti – particolarmente importante. Energia, innovazione, armonia sono i criteri del vostro percorso e sulla scia delle indicazioni di Baden Powell il movimento scoutistico ha sempre coltivato il dovere di cercare di lasciare il mondo un po’ migliore di come lo si è trovato: impresa non sempre facile, com’è noto, ma che comunque bisogna sempre cercare di realizzare”. Bello e per alcuni versi toccante il ringraziamento di Mattarella ai ragazzi quando gli si è rivolto, in conclusione della visita, dicendo:” grazie agli scout per il loro impegno e per la loro “capacità di ricercare percorsi da svolgere insieme”, oltre che per l’esperienza ormai imminente in Giappone, con il relativo contributo “alla riflessione comune della vita pacifica, conveniente per tutti e doverosa nel nostro mondo”. In sostanza , il Presidente ha ringraziato gli scout per il loro impegno e per la “capacità di ricercare percorsi da svolgere insieme”, oltre che per l’esperienza ormai imminente in Giappone, con il relativo contributo “alla riflessione comune della vita pacifica, conveniente per tutti e doverosa nel nostro mondo”. Per essere più chiari affinchè i lettori capiscano meglio desidero precisare che Il Jamboree, grande evento mondiale che richiama giovani di tutto il mondo, è un raduno scout, che può essere mondiale, europeo (eurojam), nazionale, regionale, locale ecc. Letteralmente significa “marmellata di ragazzi”, dall’unione della parole inglesi jam e boy. Baden-Powell fondatore del movimento scout, scelse questo nome perché voleva che un giorno tutti gli scout del mondo si potessero incontrare in un luogo specifico e mescolare tutte le culture diverse. Dobbiamo impegnarci per far sentire ai giovani la nostra vicinanza, il sostegno la partecipazione ideale. Davide rappresenterà il nostro Abruzzo in Giappone, un Paese lontano il quale consentirà ai giovani scout che parteciperanno al raduno mondiale in programma di costruire un ulteriore e importante passo verso la totale collaborazione e sinergia tenendo ben presenti quelli che sono i temi ambientali poiché senza rispetto della natura non esiste futuro. Ci sono tutte le condizioni per formare i giovani verso un’Europa migliore; il movimento scoutistico e le altre organizzazioni giovanili posseggono tutti i requisiti per accompagnarli lungo la strada più adatta di cittadini del domani in cui siano vivi ed attuali, come i loro anni verdi, i grandi sentimenti di pace, giustizia, solidarietà. Un simile evento in questi tempi duri e di conflitti in cui ognuno vuole affermare la propria strategia e supremazia è un fatto davvero bello e distensivo tendente a dimostrare che il pianeta è di tutti e ci si può convivere serenamente con dignità nel rispetto delle diversità ideologiche, culturali, religiose. Nel fare gli auguri ai giovani in partenza dal mio Abruzzo, in primis a Davide , e più in generale a tutti i partecipanti , saluto con affetto amicizia e simpatia Sonia Castellani, madre di Davide,una cara amica, donna di impegno sociale e di lavoro coautrice del libro Curato dalla prof.ssa Patrizia Tocci , I Gigli della Memoria.