IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

«Strade del Parco usate come piste per velocisti»

«Fermiamo le ‘gare motociclistiche’ sulle strade di montagna del Parco nazionale Abruzzo, Lazio e Molise. Polizia Stradale, Carabinieri e Corpo Forestale facciano rispettare i limiti di velocità, le strade del Parco non possono continuare ad essere terra di nessuno». A lanciare l’allarme è l’associazione ‘Salviamo l’Orso‘, che denuncia «uno ‘spettacolo’ pericoloso e incivile che squalifica il comprensorio proprio nei giorni di maggior afflusso turistico».

«Passano gli anni e con l’estate si ripropone il problema della circolazione sulla strada provinciale 83 “Marsicana“ e su tutte le arterie che attraversano aree di grande importanza naturalistica all’interno del Parco Nazionale D’Abruzzo Lazio e Molise – argomentano i portavoce dell’associazione – Sono numerosissime le segnalazioni che riceviamo in questi giorni da decine di cittadini riguardo i soliti gruppi di motociclisti che non solo non rispettano il limite di velocita dei 70 chilometri orari recentemente istituito, ma che lo superano di gran lunga impegnandosi in quelle che sembrano delle vere e proprie gare che mettono a repentaglio la vita di tutti coloro che percorrono la strada. I motociclisti si superano a velocità elevatissime tagliando le curve e i tornanti ed eseguendo manovre spericolate e imprudenti».

{{*ExtraImg_248868_ArtImgRight_300x225_}}L’associazione Salviamo l’Orso, che «su quelle strade ha speso tempo e danaro, vede vanificato il proprio lavoro a favore della sicurezza della fauna protetta e degli utenti e si chiede cosa fanno per impedire tutto ciò gli organi istituzionalmente competenti».

«E’ ormai imperativo – aggiungono i portavoce dell’associazione Salviamo l’orso – organizzare controlli continuativi, almeno durante i fine settimana, che inizino a somministrare sanzioni pesanti a chi non rispetta il codice della strada e ignora regole e divieti. Nel frattempo aspettiamo ancora che il prefetto o qualche amministratore di buona volontà si decida a installare un paio autovelox, non solo sulla Marsicana ma anche sulla strada di Forca D’Acero e sulla Sp 479 delle Gole del Sagittario (Anversa -Villalago) che soffrono dello stesso problema».

Secondo l’associazione «non è più rimandabile un piano di interventi repressivi e continui da qui a fine estate atto a stroncare questo fenomeno di incivile irresponsabilità». «Le strade del parco – concludono i portavoce di ‘Salviamo l’orso’ – non possono e non devono essere terra di nessuno».

[url”Torna alla Home Targato Az”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X