IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Invasione di alghe sulla riviera pescarese

Invasione di alghe sulla riviera sud di Pescara. Nella notte uno spessore di circa 30 centimetri si è accumulato sulla battigia nel tratto tra lo stabilimento Le Canarie e Circolo della Vela.

Gli addetti della società Attiva hanno provveduto al recupero lavorando tutta la notte e hanno trasportato il materiale per lo smaltimento presso la ditta Icro di Atri (Teramo).

«Si tratta del fenomeno dell’eutrofizzazione, cioè una proliferazione delle alghe – spiega il biologo Giovanni Damiani, esperto di ecologia del mare – che si verifica periodicamente. La crescita è stimolata da due fattori: la presenza di ‘concimi’ che vengono trasportati dai fiumi, e lì siamo nei pressi della foce del fiume, e l’attività metabolica accelerata dal caldo. E’ un fenomeno normale e non c’è nulla di preoccupante».

«Tra l’altro – aggiunge l’esperto – si tratta di macroalghe e questa è una fortuna perché possono essere rimosse. Diversa, invece, la situazione per le microalghe, come accaduto a Martinsicuro (Teramo), che, invece, danno quella colorazione marrone o gialla all’acqua. Le alghe rimosse generalmente vengono utilizzate per il compost, che è estremamente nutritivo per le piante, ma ci sono anche altri utilizzi – conclude Damiani -: in alcune zone del Nord, ad esempio, vengono usate per produrre una carta molto pregiata».

X