IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

On line l’anagrafe delle incompiute d’Abruzzo

E’ stato pubblicato sul sito www.regioneabruzzo.it/osservatorioappalti voce menù Opere incompiute Simoi, l’aggiornamento dell’Anagrafe delle Opere pubbliche Incompiute di interesse nazionale.

L’elenco on line doveva essere compilato sull’apposito sistema entro il 30 giugno 2015 dalle Regioni e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e si riferisce alle opere incompiute al 31 dicembre 2014.

«L’assessorato ai Lavori Pubblici – ha dichiarato l’assessore Donato Di Matteo – d’intesa con il settore, ha lavorato sin dal suo insediamento per sensibilizzare le pubbliche amministrazioni sul tema in oggetto, difatti rispetto allo scorso anno, a seguito della redazione del Libro bianco delle Incompiute, vi è stata maggior partecipazione, testimoniata da un aumento delle opere segnalate. Ora dobbiamo andare oltre la stesura dell’elenco, come ha anche auspicato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, che ha infatti proposto di istituire, a cura dello stesso Ministero, una task force che segua punto per punto le opere meritevoli di essere completate. La Regione Abruzzo è presente e impegnata sul settore e auspica, certamente, con l’aiuto del Governo nazionale, di poter realizzare un vero cambiamento in merito».

L’elenco della Regione Abruzzo è consultabile all’indirizzo: www.regioneabruzzo.it/osservatorioappalti voce menù Opere incompiute Simoi. Gli elenchi (in pdf o sulle pagine web) sono stati caricati dalle amministrazioni titolari dei procedimenti sull’apposito sito tramite il SIMOI – Sistema informatico di monitoraggio delle opere incompiute – e sono pubblicati alla pagina del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti https://www.serviziocontrattipubblici.it/simoi.aspx.

Le informazioni riguardano, per ogni opera, la stazione appaltante, le risorse, la percentuale di lavori compiuti e le cause rilevanti dell’interruzione quali: interruzione temporanea, interruzione dovuta a cause ostative (come contenziosi o fallimenti), collaudo non eseguito per mancanza di requisiti, mancanza di risorse.