IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila, arriva ‘Gusto’

Più informazioni su

di Claudia Giannone

Grande l’in bocca al lupo del primo cittadino Massimo Cialente per l’inaugurazione di ‘Gusto’: una nuova attività sorta in un punto strategico del capoluogo abruzzese, via XX Settembre, e destinata a rappresentare un luogo di incontro e di svago per tutti gli aquilani. Musica, spumante e diversi tipi di cibo per festeggiare la grande apertura: una giornata dedicata ad autorità e stampa, l’inaugurazione ufficiale ci sarà infatti nella giornata di domani.

{{*ExtraImg_247901_ArtImgRight_300x534_}}«Sono particolarmente contento – ha affermato il sindaco – è un locale di grande qualità e in questa città abbiamo bisogno di ripartire attraverso qualsiasi cosa di qualità. Vedo un grande futuro per L’Aquila tra qualche anno: attraverso degli investimenti giusti faremo della città un punto di riferimento».

Ideata da Giuseppe Gallucci, l’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo da Antonello Moscardi e Sandro Ferretti: nasce, quindi, un locale di alto livello per il quale sono stati investiti tre milioni di euro dagli imprenditori. Divisa in cinque reparti, l’attività comprenderà caffetteria, pasticceria, bistrot, enoteca e delizie alimentari.

{{*ExtraImg_247902_ArtImgRight_300x534_}}«Questo locale – ha proseguito il primo cittadino – rappresenterà un posto in cui sarà piacevole venire per una chiacchierata davanti ad un leggero aperitivo cenato. Si tratta di un servizio importante in quella che è l’area direzionale della nostra città: il Tribunale tornerà qui a settembre, c’è la maggior parte degli uffici pubblici e non escludo a Villa Gioia la sede unica del Comune con una grande area monumentale».

Un intervento anche dall’arcivescovo Giuseppe Molinari, che ha voluto dare la propria benedizione al nuovo locale: «Dopo il terremoto, siamo stati ammirati in Italia per molte qualità, ma si sono notate anche tante divisioni tra persone che lottavano le une contro le altre. Questo, invece, è un bell’essempio di collaborazione».

{{*ExtraImg_247903_ArtImgRight_300x168_}}La famiglia Gallucci allarga quindi i propri orizzonti, proponendo un nuovo punto di aggregazione in un centro storico ancora alla ricerca della propria identità e del proprio modo per ricucire il tessuto sociale: un’identità persa in seguito al sisma, un tessuto sociale da ricostruire per poi passare alla ricostruzione vera e propria.

{{*ExtraImg_247904_ArtImgCenter_500x281_}}

{{*ExtraImg_247905_ArtImgCenter_500x281_}}

{{*ExtraImg_247906_ArtImgCenter_500x281_}}

{{*ExtraImg_247911_ArtImgCenter_450x800_}}

Più informazioni su