IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Personale San Salvatore: «Controlli e soluzioni»

Il problema della carenza di personale all’ospedale San Salvatore dell’Aquila «esiste, lo stiamo affrontando operando su più fronti, ma è anche vero che in provincia dell’Aquila è reso ancora più evidente perché c’è maggiore insistenza, rispetto ad altri territori, di forte incidenza delle limitazioni di orario e fisiche previste per i dipendenti». Così il direttore generale della Asl provinciale dell’Aquila, Giancarlo Silveri, sull’emergenza personale denunciata dal sindacato Cisl. Una situazione che sta minando la possibilità di ferie per parte del personale.

Silveri annuncia, quindi, un giro di vite per scovare eventuali irregolarità: «Abbiamo deciso di promuovere in tempi brevi una nuova verifica sul personale che ha limitazioni per fare il punto della situazione – spiega – è doveroso da parte nostra, visto che c’é un’alta incidenza di questi casi nella Asl provinciale rispetto alle altre. E questo rende ancora più problematica la carenza di personale, attuale soprattutto in estate».

E sulle soluzioni possibili: «Stiamo cercando di tamponare facendo ricorso alle agenzie interinali con assunzioni legate alla stretta necessità – spiega il dg – per il resto abbiamo grossi problemi causati dai percorsi amministrativi piuttosto lunghi per il reperimento di personale».

In sostanza, chiarisce Silveri, «abbiamo due questioni che ci assillano nel cercare personale a tempo indeterminato dalle graduatorie di mobilità: quella dei residenti è esaurita, quella per i residenti in regione è pressoché esaurita, mentre in relazione a quella extra regione non riusciamo ad avere risposte in tempi brevi. L’ultima chiamata ha riguardato 50 persone, hanno risposto in 16, al lavoro ne arriveranno 8, ma con la prospettiva di aspettare ancora per espletare i tempi previsti dalla legge».

Silveri cita anche le graduatorie di mobilità a tempo determinato, «nell’ ambito delle quali non riusciamo ad avere risposte perché non vengono accettate le proposte di lavoro di tre mesi».

«Una volta esaurita la fase della mobilità extra regione – conclude – provvederemo a bandire un concorso, ma i tempi saranno lunghi».

X