IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

«Tensioni in Maggioranza», Idv chiede a D’Alfonso incontro coalizione

Il coordinamento regionale dell’Italia dei Valori, riunito ieri a Pescara, su proposta del segretario regionale Lelio De Santis, ha approvato all’unanimità un documento politico contenente, afferma il partito in una nota, «chiari punti programmatici, come lavoro, sanità e legalità, insieme alla richiesta al presidente Luciano D’Alfonso di un incontro urgente della coalizione di centrosinistra per un chiarimento politico e per un rilancio dell’azione amministrativa».

«Il Coordinamento regionale dell’Italia dei valori, riunito alla presenza del vice presidente del Consiglio regionale, Lucrezio Paolini – scrive il segretario De Santis – ha espresso preoccupazione per il clima di tensione registrato nelle ultime settimane fra le Forze politiche della Maggioranza su alcuni importanti temi posti all’attenzione del Consiglio. Ha evidenziato la delusione che serpeggia in diversi territori per le mancate risposte del Governo regionale, che ha ereditato problemi irrisolti e criticità finanziarie prodotte dalla precedente Giunta regionale. Ha riconfermato la necessità di raffforzare lo spirito unitario e di rilanciare il patto elettorale per meglio corrispondere alle aspettative della collettività abruzzese. L’Italia dei Valori invita, altresì, tutte le Forze politiche, a cominciare dal Pd, a considerare il valore della Coalizione come essenziale nella definizione dell’agenda di Governo, valore che si sostanzia nel buon metodo di lavoro improntato a collegialità e condivisione delle scelte politiche».

«D’altra parte – osserva infine De Santis – l’esito elettorale negativo in alcune realtà importanti, come la Regione Liguria o Comuni, come Venezia ed Arezzo dovrebbe far riflettere, e, in particolare, non dovrebbe essere sottovalutata dal Centrosinistra la sconfitta di Chieti, che può rappresentare un campanello d’allarme».