IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Dl Enti Locali, Liris: «E’ la morte dell’Aquila»

«Il Decreto Legge ‘Enti Locali’ voluto dal Partito Democratico e dal governo Renzi disegna la morte del territorio aquilano. La senatrice aquilana Stefania Pezzopane non può sottrarsi alle sue responsabilità».

L’affondo arriva da Guido Quintino Liris, capogruppo di Forza Italia al Comune dell’Aquila.

«E’ paradossale, inoltre – aggiunge Liris – che la parte del Decreto riguardante la ricostruzione dell’Aquila sia evidenziata con la dizione “[i]Misure per l’accelerazione della Ricostruzione in Abruzzo[/i]”: le norme in oggetto significheranno, in realtà, il blocco completo della Ricostruzione e la morte dell’economia del nostro territorio».

«Non crediamo alla buona fede di questo Governo – argomenta Liris – non crediamo agli errori materiali di scrittura di un Decreto Legge, non crediamo alla competizione femminile tra il sottosegretario De Micheli e la senatrice Pezzopane: le norme contenute sul ‘Decreto Enti Locali’ rispondono ad una scientifica volontà di penalizzare le forze economiche del nostro territorio e comunque di escludere dalla Ricostruzione tutto l’indotto che ruota attorno all’edilizia aquilana. Vogliamo che L’Aquila e il Cratere conoscano nomi e cognomi di chi abbia animato la perversa regia di questo tragico film: le scelte operate sono evidentemente finalizzate a far entrare in città apparati di potere economico esterni al nostro contesto territoriale. Chi vuole ciò? Dove ricercare i responsabili, nel mondo politico o imprenditoriale? O in entrambi? La regia è abruzzese o romana»?

«La senatrice Pezzopane ha consentito che il suo partito e il suo governo partorissero questo mostro: ci aspettiamo un immediato ravvedimento operoso e una presa di posizione forte nei confronti di chi vuole la morte socio-economica dell’Aquila e il blocco della Ricostruzione. In alternativa – conclude Liris – saremmo costretti a dedurne la complicità».