IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Chieti: Di Primio resta sindaco

Umberto Di Primio, 47 anni, avvocato, si conferma sindaco di Chieti: l’esponente di Ncd, sostenuto da sei liste del centrodestra, ha vinto il ballottaggio contro Luigi Febo, 49 anni, architetto e consigliere comunale uscente, sostenuto da sette liste del centrosinistra alle quali si erano aggiunte, in sede di apparentamento ufficiale, altre tre liste del movimento Giustizia sociale che al primo turno aveva ottenuto poco meno di 2.500 voti.

Di Primio, in un ballottaggio che ha fatto registrare un’affluenza del 50,48% contro il 66,44% del primo turno, ha ottenuto 12.063 voti pari al 55,01%, Febo ne ha ottenuti 9.866 pari al 44,99%. Al primo turno Di Primio e Febo erano arrivati rispettivamente al 37% con 10.606 voti e al 30,28% con 8.678 voti.

Ieri sera, quando il voto si è delineato a favore di Di Primio, la gente, che già si era radunata numerosa davanti alla sede del suo comitato elettorale in piazza Valignani, edificio al cui piano superiore ha invece sede il comitato di Febo, ha dato vita ad una festa scandita da musica, coriandoli e bottiglie di spumante bevute per festeggiare il successo elettorale, oltre che a cori da stadio, ma ha anche intonato l’inno di Mameli.

Il riconfermato sindaco aveva fatto una prima comparsa presso il comitato alcuni minuti prima che chiudessero i seggi, poco prima delle 23. Poi è andato via e vi è ritornato verso l’una, a fatica, perché tantissima gente vedendolo arrivare gli è corsa incontro lungo corso Marrucino per abbracciarlo e complimentarsi con lui.

Luigi Febo gli ha dapprima telefonato quindi gli si è fatto incontro, tra la folla: i due si sono abbracciati, una stratta veloce, poi Di Primio ha proseguito sempre a piedi, con una sciarpa del Chieti al collo, verso piazza Valignani dove c’era altra gente ad attenderlo e dove, dopo le interviste televisive di rito, si è rivolto a cittadini, candidati, simpatizzanti e sostenitori, presenti il deputato di Forza Italia Fabrizio Di Stefano, la senatrice Federica Chiavaroli, coordinatrice regionale di Ncd, i consiglieri regionali Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri entrambi di Forza Italia.

«Una sola grande parola dico a voi tutti: grazie, grazie grazie – ha esordito Di Primio parlando al microfono attraverso l’impianto di amplificazione che poco prima aveva diffuso musica – Cinque anni fa vinsi con il 62% ma vinsero i partiti, oggi abbiano vinto con tanta più sofferenza, oggi vince un’intera città, siamo stati tutti noi a vincere. E’ stata una campagna elettorale durissima per tutti noi, per i candidati: ringrazio quelli che hanno preso tanti voti, quelli che non hanno preso tanti voti e non si sono mai tirati indietro – ha proseguito il primo cittadino – Noi faremo tutto con amore, amando questa città fino in fondo. Cosa farò da domani? Non lo so, so cosa ho dentro quella stanza, so quanti problemi, quante aspettative si sono create: da subito ci metteremo al lavoro. Ho intenzione di nominare dieci persone al di là della giunta, che opereranno gratuitamente per dare quel quid in più che ci serve per fare di Chieti la città del 2020. Tre mesi fa molti di quelli che stanno qui in piazza non credevano in me, i cittadini si sono ricordati di quello che ho fatto, siamo pronti per andare avanti, per costruire Chieti protagonista».

X