IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Alta Valle dell’Aterno: Montereale c’è e presenta un suo talento

di Nando Giammarini*

Grande eco e viva soddisfazione ha suscitato in tutta l’Alta Valle dell’Aterno la notizia dell’affermazione di Aurora Salvatori – alunna della classe IIIE, scuola secondaria di primo grado, dell’Istituto comprensivo Don Lorenzo Milani plesso di Montereale – quale vincitrice del terzo premio del concorso nazionale indetto congiuntamente dai ministeri dell‘Istruzione e della Difesa in occasione del centenario della grande guerra.

Il titolo del tema, che ha suscitato grande interesse e una vasta partecipazione in tutte le scuole del Paese era: ”[i]La storia della Grande Guerra riletta dai giovani di oggi. Mai più trincee[/i]”. Un’iniziativa volta a ricordare un periodo difficile, controverso e doloroso della storia italiana e più in generale europea.

La toccante cerimonia di premiazione si è tenuta a Torino nel contesto del prestigioso salone del libro, nella sala blu, lo scorso venerdì 15 maggio alle ore 10.00 alla presenza del ministro della difesa On. Roberta Pinotti, del Capo di Stato Maggiore della difesa generale Claudio Graziano, del Sottosegretario del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), Gabriele Toccafondi.

Il titolare della difesa ha premiato uno studente per ogni ciclo scolastico. I ragazzi hanno scelto di raccontare le loro impressioni e sensazioni utilizzando diversi strumenti: racconti, poesia, saggi e immagini. Il Ministero ha voluto sostenere con forza questo concorso perché il ricordo della memoria mantenga viva la consapevolezza del passato nel cuore e nella mente degli studenti. In pratica, stando alle sue parole, “un’operazione sinergica di valorizzazione del passato è l’unico tragitto fertile da seguire per le speranze del futuro”. Di primaria e straordinaria importanza affidare alle nuove generazioni, classe dirigente del domani, il ricordo dei lutti, della tristezza, delle atroci sofferenze, della pazzia della guerra, il più grande conflitto mai visto, una carneficina che sconvolse, per sempre, il destino di tanti continenti e ne cambiò il destino. Ciò affinchè nessuno dimentichi mai. Essa deve insegnare ai ragazzi l’inestimabile valore della pace.

La nostra conterranea, cui rivolgiamo i migliori complimenti per il successo ottenuto, è stata seguita dalla prof. Francesca Mugnaini, docente referente, persona gentile ed innamorata del suo lavoro e della cultura, per cui in tutte le iniziative mette il meglio di se stessa, forte della sua esperienza ha saputo coinvolgere l’intera classe in temi di grande valore conoscitivo e della memoria. La stessa era presente a Torino, insieme alla premiata e al padre, per la premiazione. Sentita al telefono ci ha detto: ”Si è trattato di un’esperienza emozionante”.

{{*ExtraImg_245592_ArtImgRight_300x492_}}La scuola – rappresentata da alcuni docenti e dalla Dirigente scolastica prof.ssa Maria Chiara Marola – e l’Amministrazione Comunale, rappresentata dal Sindaco Massimiliano Giorgi e dall’assessore alla Cultura Carlo Marini, sabato 6 giugno, in una pubblica manifestazione, hanno voluto giustamente tributare ad Aurora Salvatori il meritato riconoscimento. Io, sperando di incontrarla quanto prima per farle gli auguri di persona, aggiungo solo poche parole: l’Alta Valle dell’Aterno fiera ed orgogliosa di te che hai dimostrato grande sensibilità e preparazione ti formula i migliori auguri per un radioso avvenire.

Questa la motivazione con cui la giuria ha assegnato il prestigioso riconoscimento alla giovane alunna Aurora Salvatori: ”La commissione esaminatrice dopo aver analizzato e valutato con attenzione il lavoro proposto, tenendo conto dei criteri quali: l’originalità dell’elaborato, l’efficacia del messaggio rappresentato, la pertinenza al tema e la gestione delle fasi organizzative ed operative, ha ritenuto di premiarlo per il lavoro di preparazione svolto preliminarmente e la qualità del prodotto stesso”.

*lettore