IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Calcioscommesse, ex ds L’Aquila Calcio in Tribunale

L’ex responsabile dell’area tecnica dell’Aquila calcio Ercole Di Nicola, posto agli arresti domiciliari nell’ambito della prima tranche dell’inchiesta della Dda di Catanzaro sul calcio scommesse, è comparso oggi in Tribunale a Teramo per l’udienza di un processo che lo vede imputato di reati fiscali.

Le accuse sono relative agli anni 2008-2009 e al 2013 e secondo l’accusa commessi da Di Nicola nella sua veste di amministratore di fatto dell’Asd Morro D’Oro calcio, settore giovanile.

Di Nicola è stato autorizzato a lasciare il suo domicilio di Morro d’Oro (Teramo) per essere presente in aula nella sua veste di imputato davanti al Tribunale di Teramo, dal giudice Roberto Veneziano.

In particolare, a lui e all’allora amministratore di diritto dell’associazione, l’accusa contesta di non aver presentato le dichiarazioni relative al 2008 e al 2009 e di aver occultato i documenti contabili necessari a ricostruire il volume di affari. Nell’udienza di oggi sono stati ascoltati i testi dell’accusa e parte di quelli della difesa.

Il processo è stato poi aggiornato a settembre.

DI NICOLA: «IL TERAMO NON C’ENTRA NULLA» – «Il Teramo non c’entra niente»: sono le uniche parole pronunciate davanti alle insistenti domande dei cronisti all’esterno del tribunale teramano sul caso del Teramo Calcio dall’ex responsabile dell’area tecnica dell’Aquila Calcio Ercole Di Nicola.

Il dirigente è stato arrestato come uno dei principali artefici del nuovo scandalo calcioscommesse. Quello che riguarda la società biancorossa è il secondo filone dell’inchiesta della direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che vede coinvolto Di Nicola, che sarebbe stato contattato per aggiustare il risultato della partita decisiva Savona-Teramo, finita 0-2, una vittoria che ha sancito la prima promozione in serie B del “diavolo” in 102 anni di storia.

Di Nicola, che si trova ai domiciliari a Morro d’Oro (Teramo) dopo essere stato fermato a Venezia, ha avuto l’autorizzazione dal giudice per partecipare a un altro processo nel tribunale teramano. Intanto l’avvocato Libera D’Amelio, legale di Di Nicola e del ds del Teramo Marcello Di Giuseppe – quest’ultimo indagato insieme al presidente teramano, Luciano Campitelli – ha reso noto che il gip del tribunale di Roma ha confermato i domiciliari per Di Nicola, sanciti dal gip di Venezia per il pericolo di reiterazione del reato. Il magistrato ha anche confermato la cancellazione del reato di associazione a delinquere, tenendo quello di frode sportiva. Inoltre, il gip della Capitale ha sancito l’incompetenza territoriale di Roma, stabilendo competenti i tribunali di Latina, Teramo, L’Aquila, Rimini, Macerata e Lamezia. Istanze di qualsiasi genere dovranno, quindi, essere presentate a questi tribunali.

«È un vero rompicapo – spiega la D’Amelio, del foro di Teramo – A tale proposito è molto probabile che presenterò istanza al tribunale della libertà». Quanto a Di Nicola, la legale sottolinea che continua ad affermare che è stato tutto frainteso e ingigantito e che, tra le altre cose, vuole riavere la libertà per andare a lavorare nella propria azienda agricola. Di Giuseppe, invece, verrà sentito il prossimo 17 giugno a Catanzaro.