IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

San Benedetto dei Marsi, scoperta rete criminale locale

Dalle prime ore del giorno i Carabinieri della Compagnia di Avezzano stanno eseguendo delle ordinanze di applicazione di misura cautelare a carico di cittadini di San Benedetto dei Marsi, riconosciuti responsabili dei reati di spaccio di stupefacenti, danneggiamento seguito da incendio, furto aggravato e ricettazione in concorso.

Impiegati nel corso dell’operazione 20 militari e 10 autovetture.

SCOPERTO IL VASO DI PANDORA – ROGHI INTIMIDATORI, SPACCIO E INCENDI SOSPETTI – Avevano creato un vero e proprio sistema delinquenziale basato sulla differenziazione dei reati, dal furto alla ricettazione, dallo spaccio di sostanze stupefacenti all’intimidazione dei concorrenti e della clientela in mora con i pagamenti, posta in essere tramite incendi e danneggiamenti che avevano gettato panico e allarme tra la popolazione di San Benedetto dei Marsi.

Oggi, al termine delle indagini, quattro giovani della cittadina fucense sono stati raggiunti da provvedimenti restrittivi. Le misure cautelari, eseguite dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avezzano unitamente ai colleghi della Stazione di San Benedetto dei Marsi e rinforzi provenienti da altri reparti della Compagnia di Avezzano, sono state emesse dal gip Francesca Proietti su richiesta del pm Roberto Savelli.

In particolare sono finiti in carcere due fratelli commercianti di 26 e 29 anni, ristretto ai domiciliari, invece, un 32enne già noto ai carabinieri per precedenti indagini in materia di stupefacenti.

Obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria, infine, per un trentenne commerciante che era stato già arrestato durante le prime fasi investigative in quanto trovato in possesso di un consistente quantitativo di cocaina. Dodici, poi, le persone denunciate a vario titolo coinvolte nell’inchiesta.

Nell’estate del 2014, San Benedetto dei Marsi fu teatro di una serie di incendi ed atti vandalici commessi ai danni di veicoli di residenti. L’anno precedente il Comune fucense era stato già teatro di ulteriori roghi che avevano interessato immobili e veicoli.

Tali eventi, unitamente ad una serie di furti perpetrati nel centro marsicano e nei comuni limitrofi, avevano suscitato un grave e persistente allarme sociale nella popolazione la quale, a gran voce, spesso puntando il dito contro gli extracomunitari lì domiciliati, invocava maggiori controlli e più sicurezza.

La massiccia presenza dell’Arma nel centro marsicano venne da subito garantita oltre che dalla locale Stazione, da specifici rinforzi, ed affiancata da una specifica indagine dei Carabinieri del N.O.R.M della Compagnia di Avezzano che, da subito, mise in relazione i roghi del 2014 con gli analoghi avvenimenti verificatisi nello stesso centro durante l’estate dell’anno precedente.

Le acquisizioni info-investigative facevano quindi emergere che dietro tali apparenti atti vandalici, vi fosse qualcosa di più complesso, una sorta di faida tra spacciatori locali, una serie di vendette e ritorsioni trasversali tra soggetti in lotta per la gestione dell’illecito mercato locale.

Immediatamente venivano riscontati elementi di conferma: a San Benedetto dei Marsi, un gruppo di soggetti, dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti, stava punendo la concorrenza e la clientela non puntuale con i pagamenti, bruciandone le automobili.

Cinque i roghi, provocati in piena notte, eseguiti con precisione chirurgica – è stato spiegato dai carabinieri in conferenza stampa dalla Compagnia di Avezzano – e senza lasciare nessuna traccia, attenzioni che però non sono bastate a far rimanere ignoti gli autori, l’individuazione dei quali tuttavia ha comportato difficoltà dovute all’omertà dimostrata in primo luogo dalle stesse vittime, le quali, se da una parte invocavano giustizia a gran voce, dall’altra non collaboravano.

Sotto la lente di ingrandimento è quindi finita l’attività dei fratelli commercianti di San Benedetto. Il loro coinvolgimento diretto nei roghi si è rivelato pero’ solo il coperchio del “vaso di Pandora”: i due, operanti in stretta collaborazione con extracomunitari della zona, gia’ attenzionati e arrestati durante l’estate scorsa dai Carabinieri della Stazione di San Benedetto dei Marsi quali autori di più di venti furti perpetrati su autovetture ed abitazioni, erano impulso e direttivo di una fittissima attività delinquenziale che si estendeva dallo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e hashish, al furto e alla ricettazione della refurtiva. Vittime di questi reati contro il patrimonio erano commercianti e cittadini di San Benedetto e di Comuni limitrofi, e gli obiettivi principali erano biciclette sportive professionali di alto valore, apparecchiature elettroniche, attrezzature agricole e veicoli da lavoro, come trattori e rimorchi, da smontare e riciclare.

I proventi di tali attività erano riversati nell’approvvigionamento dello stupefacente da smerciare tra abituali, e spesso insospettabili, clienti gravitanti in quei Comuni. Trentaonove sono stati gli episodi di spaccio rilevati dai Carabinieri.

L’attività investigativa non si è esaurita con la captazione delle responsabilità degli incendiari, ma venivano approfonditi anche reati commessi da alcune delle vittime dei roghi e da persone a questi legate: a finire nei guai, quindi, anche gli altri due indagati. Durante le fasi esecutive dell’arresto, i due fratelli, sottoposti a perquisizione personale e domiciliare, sono stati trovati in possesso di un ingente quantitativo di materiale di dubbia provenienza, attrezzi agricoli, materiale elettrico e da costruzione, risultati provento di furto e per il quale sono in corso accertamenti per l’individuazione dei lettimi proprietari.

[url”Torna alla Home Targatoaz.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]