IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Operatori Cup, si scaldano gli animi

Più informazioni su

di Francesca Marchi

E’ stato un pomeriggio di tensione per i lavoratori che prestano servizio presso gli sportelli CUP (centro unico di prenotazione) delle aziende sanitarie abruzzesi.

Come anticipato ieri da [i]IlCapoluogo.it[/i] gli operatori non hanno firmato il contratto di lavoro con la nuova società di gestione. Si tratta della Gpi Spa di Trento subentrata alla vecchia Coop Capodarco.

I contratti lavorativi a tempo indeterminato sono diventati contratti a termine. Contratti di sei mesi giunti senza alcun preavviso. I lavoratori non ci stanno. E non cedono nemmeno ai ricatti della ditta che dice: «O firmate o siete fuori».

{{*ExtraImg_243981_ArtImgRight_300x225_}}Oggi i 32 lavoratori aquilani si son riuniti in Via Aldo Moro all’Aquila, insieme alle istanze sindacali. Sono arrivate anche le forze dell’ordine, dopo che «dalla nuova società è stato negata la ricevuta per accettazione del contratto, venendo meno in questo modo a un diritto del lavoratore», come ci spiega Teresa Circi, dirigente sindacale Uil.

Con i lavoratori anche il segretario provinciale dell’Aquila Giuliana Vespa, che ribatte: «la direzione della Asl aquilana non è riuscita a tutelare i lavoratori. Abbiamo presentato una richiesta alla Direzione Territoriale del Lavoro che ha convocato le parti per il prossimo 4 giugno. Dovranno rispondere di tutte le norme cui hanno contravvenuto – ha aggiunto – Il lavoratore con la maggiore anzianità lavora al Cup da 12 anni, quello con l’anzianità minore da 8, non possono vedersi proporre un contratto a tempo determinato di soli 6 mesi. La nuova società ha contravvenuto a tutte le norme e persino al capitolato».

{{*ExtraImg_243982_ArtImgRight_300x225_}}La lotta dei sindacati va avanti da mesi.

Una diffida da parte dell’UGL era già arrivata lo scorso 12 maggio, ne segue un’altra delle Federazioni Regionali di CGIL CISL e UIL.

«Entro domani aspettiamo la convocazione o li denunceremo per comportamento antisindacale – continua la Circi – E’ necessario riaprire il tavolo della trattativa, interrotto senza preavviso, se questo non avverrà entro domani, che è il termine ultimo, daremo immediato mandato ai propri uffici legali al perseguimento in giudizio di condotta antisindacale».

I sindacati, inoltre, ci tengono a precisare che son stati tenuti fuori dalle riunioni tra dipendenti e Gpi Spa.

Intanto il sindaco Massimo Cialente, che raggiunge gli esponenti dell’Ugl telefonicamente, si dice vicino ai lavoratori.

Dei 32 solo uno ha deciso di firmare il contratto a tempo determinato.

{{*ExtraImg_243983_ArtImgRight_300x225_}}Ciò che preoccupa di questo “periodo di prova” sono le possibili mancate proroghe dei contratti, una volta terminati i sei mesi.

Il manager della Asl 1 Giancarlo Silveri ha dichiarato: «Chi ha lavorato seriamente, non deve temere».

Gli operatori aquilani coinvolti in procedimenti disciplinari si sentono tirati in ballo.

In tutto questo caos e malumore trova spazio anche una abbondante dose di sospetto secondo cui «la motivazione dei contratti a termine sarebbe legata a una parte del personale che si vuole licenziare. I provvedimenti disciplinari non sono condanne».

Intanto i lavoratori pensano a un sit-in nei prossimi giorni.

Più informazioni su