IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cialente: «L’Aquila oggetto di appetiti torvi»

«Un dovere aderire a questa iniziativa, soprattutto oggi, soprattutto all’Aquila, il cantiere più grande d’Europa. Sin dalle prime ore di quel tragico 6 aprile 2009, quando la terra ancora tremava e le vittime erano ancora sotto le macerie, oggetto degli appetiti più torvi». A sottolinearlo, in relazione all’iniziativa promossa dall’Anci ‘100 Comuni contro le mafie‘, è il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente.

«Da quel momento, in particolare – aggiunge Cialente – abbiamo intensificato la nostra battaglia contro qualsiasi espressione della mafia, facendo della trasparenza il nostro vessillo, incrementando le regole, potenziando i controlli, analizzando tutte le situazioni, anche quelle in apparenza più limpide. Ho avvertito un clima di pressione, di intimidazione, ma non ho mai esitato un momento a denunciarlo, anche pubblicamente, sollevando interrogativi e preoccupazioni ma anche l’attenzione di chi, in questa battaglia, ci sta affiancando con dedizione e silenzio: Forze dell’Ordine e Magistratura. E proprio, forse, grazie a tutto questo mio comportamento, anzi sentimento, da prima linea, la ricostruzione dell’Aquila è quella che è costata di meno rispetto a tutti gli altri terremoti e che, nonostante le centinaia di cantieri che si sono avvicendati dal 2009 ad oggi, è riuscita a tenere fuori la mafia, immediatamente bloccata al primo tentativo di insediamento».

«Giusto due mesi fa, inoltre – sottolinea il primo cittadino – ci siamo dotati di una piattaforma telematica per le gare pubbliche che evita totalmente qualsiasi manovra di ingerenza o eventuale commistione con gli appaltatori. E responsabile della Centrale unica di Committenza, è un ex magistrato, attuale Vice Sindaco. Non si tratta di una battaglia semplice, è vero, ma compito degli amministratori è quello di usare tutti i mezzi possibili per tenere sempre alta l’attenzione».

«Questa iniziativa promossa dall’Anci – conclude Cialente – sarà utilissima a raccogliere le esperienze di noi sindaci, che dovranno confluire in proposte capaci di costruire i presupposti per una gestione sempre più attenta e consapevole della cosa pubblica, magari più snella ma sicuramente diligente custode e fautrice della legalità».

X