IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Un malato di tumore su tre con l’anemia

Un meeting multidisciplinare per parlare dell’anemia nel malato oncologico, debilitazione che ne aggrava le condizioni fisiche e psicologiche e riduce

nei pazienti la volontà di contrastare la malattia. All’Aquila, sabato prossimo 23 maggio, all’ex Onpi, dalle ore 9.30 alle 17.30, il primo meeting della Rete

Oncologica della ASL1 Abruzzo, all’insegna della sinergia tra le diverse discipline.

L’iniziativa – che traccia una strada nuova nell’approccio metodologico del malato di tumore affetto da condizioni di debilitazioni (preesistenti o causate dal tumore) – è più

che giustificata dall’entità d’impatto dell’anemia sulla patologia oncologica.

All’Aquila su 350 pazienti, assistiti e seguiti all’ospedale San Salvatore in questi

primi mesi del 2015, il 37% è affetto da una forma di anemia, di cui il 6% presenta una forma di debilitazione severa, cioè grave.

Il meeting, organizzato dal prof. Enrico Ricevuto e dal prof. Franco Marinangeli, si propone di avviare un primo passo di ulteriore integrazione della gestione multidisciplinare ospedale/territorio per avviare la nuova filosofia del lavoro di squadra tra gli specialisti delle diverse discipline dell’azienda sanitaria provinciale. Si tratta di integrare le attività specialistiche nella gestione del paziente oncologico, vale a dire assistenza

domiciliare, cure palliative, farmacia ospedaliera, residenze sanitarie assistite, geriatria. Spiccate professionalità presenti in tutta l’azienda che la Rete oncologica intende così saldare in un lavoro di équipe. «Oggi abbiamo la possibilità”, dichiara il prof. Ricevuto, di utilizzare le eritropoietine, vale a dire farmaci che sono in grado di trattare e prevenire l’anemia nei pazienti oncologici in trattamento antitumorale. E’

una opportunità terapeutica innovativa che consente di limitare il ricorso a eventuali, ulteriori trattamenti, come le trasfusioni, o ricoveri in ospedale che danno altra

sofferenza al malato, rendono più arduo e impegnativo il lavoro degli oncologi e, non ultimo, producono un aumento dei costi sanitari perché richiedono ricoveri e più

lunghe degenze in ospedale. Il meeting di sabato prossimo, quindi, si propone, di porre all’attenzione degli specialisti delle varie branche della nostra Asl, coinvolti in modo collettivo nell’assistenza del malato di tumore, le modalità e l’aspetto legato all’appropriatezza e all’efficacia dell’uso di questi farmaci nella pratica clinica. Una svolta importante”, aggiunge il prof. Ricevuto, “nella gestione delle anemie

all’interno di patologie tumorali perché la sensazione di fatica e l’insieme dei sintomi, anche con ripercussioni psicologiche, possono aggravare le condizioni cliniche del

malato oncologico»

X