IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

‘D’Alfonso indifferente alla questione Snam’. La lettera dei comitati

Sulla questione Snam la lettera aperta al presidente Luciano d’Alfonso da parte dei Comitati Cittadini per l’ambiente.

«Il 23 settembre dello scorso anno, in occasione della partecipata assemblea tenutasi al cinema Pacifico di

Sulmona  sulla “questione Snam”, Lei assunse pubblicamente l’impegno a battersi con determinazione per impedire che un’opera così impattante (centrale e metanodotto) potesse sconvolgere e mettere a rischio il nostro territorio.

Fu Lei a sottolineare come infrastrutture del genere – peraltro solo di “transito” e quindi  senza alcun

beneficio per i cittadini – sono apertamente in conflitto con la vocazione naturale della nostra area, crocevia

del sistema dei Parchi, nonché con la grande valenza storica, culturale ed architettonica che rende

Sulmona ed il suo comprensorio un “unicum” nel panorama regionale.

Dobbiamo darle atto che Lei effettivamente nella prima fase, partecipando agli incontri nazionali, ha svolto

una efficace azione di contrasto rispetto al  modo arrogante con cui sia Snam che il Governo premevano per

imporre le loro scelte.

Ma questo suo impegno è durato poco, fino al 1° ottobre, quando ebbe un duro confronto-scontro con l’allora Vice Ministro Claudio De Vincenti, ora Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Da allora Lei ha abbandonato il problema Snam, delegandolo all’Assessore all’Ambiente Mazzocca e, in parte, al Vice Presidente  Lolli.

Non  abbiamo mai compreso, né condiviso, questa Sua decisione. Così come non abbiamo mai compreso né condiviso il fatto che la Regione su un tema così importante si sia limitata al minimo indispensabile, cioè alla negazione delle intese con lo Stato; atti, questi, sicuramente molto importanti ma purtroppo insufficienti.

Ci aspettavamo che la Regione mettesse in campo competenze e studi, sul piano tecnico e giuridico, che

sottoponessero sia il progetto della Snam che l’iter autorizzativo ad una approfondita analisi critica e che

portassero alla elaborazione di articolate proposte alternative. Così come ci aspettavamo una forte e

pressante interlocuzione con il Governo nazionale al fine di indurlo al doveroso rispetto della volontà

espressa dal Parlamento italiano.

Ma  non c’è stato nulla di tutto questo. Negli ultimi sei mesi la vicenda Snam si è snodata stancamente in

Conferenze di Servizi ed incontri nazionali che stanno portando verso l’autorizzazione dell’opera, con una

Regione dedita essenzialmente ad operazioni di facciata, ma sostanzialmente rassegnata ad un epilogo

ritenuto inevitabile.

L’imposizione della centrale e del metanodotto rappresenterebbero un colpo micidiale per un territorio come il nostro, costretto a subire, nel frattempo, altre spoliazioni ed umiliazioni proprio ad opera del Governo

regionale da Lei guidato, come la soppressione del punto nascite e il declassamento da polo di attrazione ad

area intermedia.

Sulmona ed il suo comprensorio non possono accettare  di essere colpiti alle spalle e si battono affinché i

loro sacrosanti diritti vengano riconosciuti.

Auspichiamo, perciò, che Lei riveda scelte così incomprensibili e penalizzanti.

Non riteniamo che la partita Snam sia da considerarsi chiusa. Vi sono, a nostro avviso, concreti margini

affinché l’esito possa essere diverso da quello voluto dalla multinazionale e dal Governo Renzi , il Governo

che, attraverso lo “Sblocca Italia” e la modifica del titolo V° della Costituzione, sta azzerando ogni residuo

potere delle Regioni in settori fondamentali, come quello energetico.

Ricordiamo ancora le parole da Lei pronunciate a Sulmona : “non saremo i camerieri dello Stato”.

Perciò, in questo arco di tempo che resta, Le chiediamo di mettere in atto tutte le iniziative più efficaci che il

caso richiede, sotto ogni profilo : a livello politico, istituzionale, giuridico e tecnico. In particolare Le

chiediamo di gestire in prima persona quest’ultima fase, partecipando personalmente sia al prossimo

incontro con il Governo nazionale del 10 giugno che ad altri eventuali ulteriori incontri. Nel bene e nel male il

futuro di Sulmona e del Centro Abruzzo dipende dalle Sue scelte. Lei sarà ricordato come il Presidente che

avrà dato una mano sostanziale al nostro territorio affinché potesse risollevarsi o come il Presidente che

avrà contribuito in modo determinante al suo affossamento».