IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Stella Maris. Brandizzi: ‘Collaborazione con Roma’

«Mi associo alla lettera aperta del Presidente

dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila Roberto Marotta, che giustamente mette in evidenza quanto sia importante il restauro della “Stella Maris. E quanto l’A.B.A. Dell’Aquila sia disposta a collaborare sia con l’A.B.A. di Roma sia con tutte le altre istituzioni dell’Alta Formazione Artistica”. »

E’ quanto dichiara oggi il Direttore dell’accademia aquilana, Marco Brandizzi, in merito alla vicenda della valorizzazione del complesso Stella Maris di Montesilvano che prevede l’ apertura di una succursale dell’accademia romana.

«Purtroppo, la spiacevole situazione che si è venuta a creare nella circostanza è completamente diversa- continua Brandizzi – la Direttrice dell’A.B.A. di Roma ha

lavorato per mesi a un progetto di apertura di corsi omologhi ai nostri; lo ha fatto senza coinvolgerci, ne informarci, come la correttezza istituzionale suggerisce. Nella conferenza stampa organizzata per presentare il progetto si parla (comunicato stampa) di apertura di corsi di Arti Visive e Fashion design. Dopo le prime polemiche, si parla solo di fashion design e, senza consultarci, inserisce la nostra istituzione nel progetto,

e indica anche il corso – bontà sua – da inserire: restauro delle opere contemporanee.

Sorvolando sia sulla professionalità che sulla deontologia di tale atteggiamento, si mette in evidenza come le regolamentazioni delle nostre istituzioni parlano di facoltà di costituire sulla base della contiguità territoriale, nonché della complementarietà e integrazione dell’offerta formativa, politecnici delle arti…” dove è la contiguità territoriale e la complementarietà delle istituzioni nel progetto presentato? Forse in un analogo progetto presentato solo pochi mesi fa dall’ A.B.A.

di Roma per una, sede distaccata a Viterbo. Forse – sottolinea il direttore dell’accademia aquilana – si dovrebbe procedere programmando a monte le

motivazioni per aprire o meno una sede distaccata: farsi trasportare dalle “occasioni” che casualmente possono capitare ingenera solo polemiche come quella attuale»

L’A.B.A. Dell’Aquila a un suo programma pluriennale che prevede un rapporto sempre più stretto con il territorio abruzzese . Un programma pluriennale fatto di

mostre, apertura di nuovi laboratori, una nuova e efficiente biblioteca cartacea e digitale.

«Per questo chiediamo alle autorità amministrative della Regione, delle province dell’Aquila e di Pescara, del comune dell’Aquila, di Pescara, di Montesilvano, alla fondazione Michetti, con la quale collaboriamo da anni, a tutte le entità culturali della regione – conclude Brandizzi – di cogliere l’occasione per fare

“sistema” con la nostra istituzione. Di razionalizzare le proposte culturali e formative che proponiamo mettendola, al di fuori di polemiche e campanilismi, sempre di più al

servizio di tutta la regione».

X