IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Accoltellamento all’alba a Pescara, una vittima

AGGIORNAMENTO: L’UOMO E’ DECEDUTO – Per l’uomo, Giandomenico Orlando, di 67 anni, fondatore della pasticceria Orlando insieme alla famiglia, non c’è stato nulla da fare, è morto in ospedale. Inizialmente l’uomo è stato rianimato sul posto dal personale del 118.

Poi le procedure di rianimazione sono proseguite all’ ospedale civile ma poco dopo non c’è stato più nulla da fare. Le lesioni, non si sa ancora da quanti fendenti sia stato colpito il pasticciere, si sono rivelate fatali. La polizia sta cercando il presunto responsabile, che sarebbe uno stalker, peraltro già finito nel mirino delle forze dell’ordine proprio per queste vicende.

IL MOTIVO DEL GESTO: FASTIDIOSI SCHIAMAZZI – In base alla ricostruzione del legale della famiglia Orlando, Giuseppe Di Girolamo, i problemi tra l’accoltellatore, un buttafuori noto alle forze dell’ordine, e gli Orlando, andavano avanti da quattro o cinque anni e il motivo scatenante sarebbe da ricercare nei presunti rumori creati dalla pasticceria, che infastidivano la madre dell’accoltellatore, che vive sopra all’attività.

Da parte degli Orlando, che comunque hanno effettuato dei lavori per evitare polemiche e problemi, ci sono state due richieste di ammonimento e una è stata accolta alla fine dello scorso anno ma non sarebbe stata sufficiente a tenere lontano l’uomo dalla pasticceria di via Puccini, all’angolo con via Buozzi.

Dopo numerose liti che si sono succedute nel tempo, anche con il figlio di Giandomenico, Alessio, che sarebbe stato aggredito dal buttafuori, questa mattina lo stalker si sarebbe presentato in pasticceria. A quanto pare cercava Alessio, e Giandomenico è intervenuto. E’ stato aggredito e colpito, pare tre volte, stando a quanto riferiscono i parenti, che si sono ritrovati nella pasticceria. Sul posto è a lavoro la polizia scientifica e all’esterno del laboratorio ci sono ancora le tracce di sangue. L’accoltellatore è attivamente ricercato.

E’ CACCIA AL KILLER – Per l’omicidio del pasticciere di Pescara Giandomenico Orlando, 67 anni, accoltellato stamane nella sua nota pasticceria di via Puccini, di cui era titolare con la famiglia, è caccia al killer. Il presunto omicida ha 42 anni ed è domiciliato nello stabile sopra la pasticceria con la madre. E’ alto un metro e 80 centimetri, capelli neri. Amante delle palestre e delle armi. Pare gliene siano state trovate diverse in casa.

Gli uomini della squadra mobile, coordinati dal dirigente Pierfrancesco Muriana, stanno rintracciando Giovanni Grieco, 40enne. Sul posto, intanto, mentre la Scientifica prosegue con i rilievi, P giunto il sostituto procuratore della Repubblica Rosangela Di Stefano. Dalle prime notizie pare che la coltellata mortale abbia colpito il pasticciere alla gola.

La Mini Cooper di Giovanni Grieco è targata DA621EF. Il ricercato ha carnagione olivastra e occhi verdi. Al momento è indiziato essendoci delle testimonianze contro di lui.

Non si sa se è ancora armato. L’ammonimento del questore di Pescara nei suoi confronti era scattato in relazione alle discussioni avute con Alessio Orlando, il figlio del pasticciere ucciso. In passato Grieco è stato denunciato per lesioni.

E’ fuggito con una Mini scura dal tettuccio chiaro, Raffaele Grieco, il presunto assassino del pasticciere Giandomenico Orlando, a cui sono state fatali questa mattina due coltellate. La caccia all’omicida procede con decine di agenti e volanti su tutto il territorio pescarese: secondo gli investigatori l’uomo non dovrebbe essere molto lontano. Intanto si va delineando il quadro degli eventi e dell’aggressore. Grieco sarebbe un amante delle armi, un assiduo frequentatore di palestre, e avrebbe collezionato più denunce per lesioni. In passato ha svolto anche l’attività di buttafuori nei locali notturni della città.

SI CHIEDE LA COLLABORAZIONE AI CITTADINI – Diffondendo la foto del presunto assassino, la questura di Pescara, che chiede la collaborazione dei cittadini per eventuali avvistamenti, fa sapere che Grieco, oltre a disporre di una Mini Cooper S, potrebbe essere in circolazione su un motociclo modello Honda Hornet 600 di colore blu, targato AY83272, con casco protettivo di colore nero.

***

Un accoltellamento si è verificato nelle prime ore della mattina a Pescara, in via Puccini, in una nota pasticceria della città.

La vittima, un uomo, il titolare della struttura, è rimasta gravemente ferita al punto che si teme per la sua vita.

E’ stato rianimato sul posto dal personale del 118 e le procedure per la rianimazione stanno proseguendo in ospedale.

La polizia sta cercando il presunto responsabile, che sarebbe uno stalker, peraltro già finito nel mirino delle forze dell’ordine proprio per queste vicende.