IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Adunata Alpini, Bernardi: «Focalizzare l’attenzione sulla violenza di genere»

Indirizzare l’attenzione dei partecipanti dell’88esima Adunata Nazionale degli Alpini, che si terrà a L’Aquila il 15, 16 e 17 maggio prossimi, sulla violenza di genere. La proposta viene da Antonello Bernardi, medico dirigente della Asl e consigliere comunale dell’Aquila, tenente medico in congedo della Compagnia controcarri Julia di Cavazzo Carnico (Udine).

La sua ipotesi è contenuta in una lettera aperta indirizzata al Comitato organizzatore alpini Abruzzo, all’Associaizone nazionale alpini e inviata, per conoscenza, alla presidente della Camera, al presidente della Regione Abruzzo, al presidente della Provincia dell’Aquila, al sindaco del capoluogo e al Centro anti violenza L’Aquila.

«L’adunata degli alpini non è una parata militare, ma un momento di incontro, di condivisione, di memoria, di festa e comunione tra la città ospitante e un Corpo la cui storia è da sempre simbolo di unione, solidarietà e impegno civile – scrive Bernardi – Partendo da questi valori, che presuppongono anche uguale dignità e libertà tra donne e uomini, la proposta diventerebbe una delle rare occasioni al mondo in cui uomini, ex militari o militari, possano riconoscere, pubblicamente in una manifestazione, la violenza di genere come problematica originata dagli uomini, dando un segnale di consapevolezza e solidarietà nei confronti di tutte quelle donne che ogni giorno, nella società civile e in ogni tempo di guerra, subiscono atti di violenza. Si darebbe un messaggio di uno sforzo attivo ed esplicito, dato da uomini e soldati, teso a rinforzare i valori del Corpo degli Alpini».

«Concretamente – suggerisce il medico e consigliere comunale – l’iniziativa si potrebbe configurare provvedendo alla consegna di un simbolico nodino rosa a tutti gli alpini che vorranno indossarlo per tutta la durata della manifestazione che si terrà domenica 17 maggio e, inoltre, sfilare dietro uno striscione con la scritta, ad esempio, ‘Alpini contro la violenza sulle donne‘».

«La semplicità, la coerenza, un piccolo nodino rosa – commenta infine Bernardi nella lettera – andrebbero a dare uno straordinario messaggio, anche mondiale, di rifiuto e condanna alla violenza sulle donne con l’auspicio che si possa costruire una nuova cultura dei modi di vivere con rinnovata sensibilità di genere».

X