IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

‘Abruzzo Inclusivo’, on line la graduatoria

Sul portale lavoro della Regione Abruzzo ([url”www.regione.abruzzo.it/fil/”]www.regione.abruzzo.it/fil/[/url]), nella sezione dedicata alle notizie dalla direzione, è stata pubblicata la graduatoria dell’avviso pubblico “Abruzzo Inclusivo”, pubblicato sul Bura il 21 gennaio scorso. Degli undici progetti pervenuti, la commissione ne ha ammessi a finanziamento otto per un totale di risorse impiegate pari a 3,2 milioni di euro.

Finanziato con il Fondo sociale europeo, “Abruzzo Inclusivo” vuole essere, nelle intenzioni dell’assessore alle Politiche sociali Marinella Sclocco, «occasione per promuovere azioni per migliorare le condizioni di occupabilità di quei soggetti minacciati da forme di emarginazione in un momento di particolare crisi economica e sociale».

In base alla risultanze del Nucleo di valutazione sono stati ammessi a finanziamento i seguenti progetti: associazione temporanea di scopo (Ats) capofila ente d’ambito sociale di Pescara (400 mila euro); Ats capofila ente d’ambito sociale di Montesilvano (399 mila euro); Ats capofila ente d’ambito sociale di Teramo (399.475,00 euro); Ats capofila ente d’ambito sociale Costa Sud (400 mila euro); Ats capofila ente d’ambito sociale di Francavilla (400 mila euro); Ats capofila ente d’ambito sociale di Chieti (302.780,00 euro); Ats capofila ente d’ambito sociale Sangro (400 mila euro) e Ats capofila ente d’ambito sociale di Vasto (400 mila euro).

L’avviso pubblico “Abruzzo Inclusivo” era stato modificato nella sua prima formulazione “con un incremento delle risorse a disposizione e con l’eliminazione di alcune criticità che, di fatto, lo rendevano inapplicabile”.

Nello specifico, l’avviso pubblico si articolava in due linee di intervento: sportello di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, linea finanziata per un milione di euro, con l’elaborazione di un progetto individuale di inserimento al lavoro; e azione inclusiva attiva, finanziata per il restante 2,2 milioni di euro, che prevede un vero e proprio tirocinio del beneficiario presso un’azienda con la possibilità di erogazione di un vaucher di servizio.