IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio, Zavettieri: «Commento con rammarico»

di Claudia Giannone

Sconfitta pesante dopo un periodo di continui bottini pieni in casa aquilana: pesante non solo dal punto di vista del risultato, ma soprattutto perché ha tagliato le gambe ad una squadra che era ripartita, per una rincorsa alla Reggiana e ai play off che, fino a poco tempo fa, sembravano sfumati per sempre. Dopo una breve speranza, però, la consapevolezza è tornata: solo delle strane coincidenze potrebbero far accadere un miracolo. Il tecnico aquilano analizza il match disputato domenica mattina, contro l’ostica Pistoiese. «Mi è difficile commentare questa partita: come qualità, abbiamo giocato la nostra migliore partita. Abbiamo fatto venticinque azioni e quindici tiri, di cui dieci nello specchio della porta. La squadra mi è piaciuta, ma questa volta abbiamo pagato degli episodi: c’erano tutti i presupposti per prendere i tre punti, abbiamo fatto un errore su cui abbiamo preso il secondo goal che ci è costato caro».

«Commento con tanto rammarico – ha aggiunto – perché su quattro tiri la Pistoiese ha segnato tre goal. Era una partita importante e decisiva, potevamo fare un rush finale importante: ora dobbiamo essere bravi a lavorare come abbiamo sempre fatto. Per la prima volta, ora abbiamo un obiettivo: mantenere il quarto posto».

Qualcosa, ovviamente, non è andato come sarebbe dovuto andare: errori che si pagano, anche se a volte si tratta solo di episodi all’interno dell’incontro. Ma questa volta, come molte altre nel campionato, alcune cose non sono andate giù al mister. «Abbiamo subìto poco: da quando abbiamo usato il nuovo modulo, il 4-2-3-1, abbiamo sempre subìto poco. Spesso sono gli episodi ad essere determinanti. Dopo il 2-1, abbiamo perso l’equilibrio e la lucidità: abbiamo cercato con frenesia di accorciare la palla in avanti. Non mi è piaciuta questa mancanza di pazienza».

La risposta della curva, però, non è particolarmente piaciuta: critiche arrivate con le solite offese note in ogni ambiente calcistico, critiche che il mister non apprezza. «Sono in parte deluso da qualche atteggiamento dei tifosi: ai ragazzi si può rimproverare ben poco, perché in questo momento stanno dando tutto. Accettiamo le critiche ben volentieri, ma secondo me, sono state ingiuste nell’ambito di Pistoia: non si può parlare di mancanza di attaccamento alla maglia».

«Avevamo fatto una rincorsa importante, ma ora pensiamo al presente. Contro il Forlì – ha concluso, in riferimento al prossimo match dell’Aquila, in programma sabato 18 aprile alle ore 16 – sarà difficile: è una squadra assetata di punti contro cui sarà difficile giocare. Ma saremo pronti a lottare. L’anno prossimo? Vorrò essere qui».