IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Convenzioni urbanistiche, la delibera che chiarisce

La Giunta comunale ha approvato una delibera recante gli indirizzi operativi in materia di convenzioni urbanistiche, ovvero gli atti negoziali attraverso i quali l’Amministrazione attribuisce al privato posizioni di diritto e d’obbligo, allo scopo di definire un determinato assetto degli interessi sul territorio.

«Nonostante l’Ufficio Controllo Convenzioni del Settore Pianificazione, abbia sostenuto una costante attività di sollecito e diffida, si registra purtroppo, un alto livello di inadempimento degli obblighi contratti attraverso convenzione urbanistica, casi in cui il Comune esercita la facoltà di provvedere direttamente all’esecuzione delle opere di urbanizzazione, in sostituzione dei lottizzanti inadempienti e a spese dei medesimi, procedendo all’escussione della polizza fideiussoria prestata a garanzia, all’atto della stipula», si legge in una nota ufficiale.

«Ma non sempre ciò è così automatico, soprattutto quando sono trascorsi molti anni dalla stipula dell’atto convenzionale e sono cambiate moltissime condizioni».

«Ci troviamo ad affrontare – ha dichiarato l’Assessore Pietro Di Stefano – un’altra pesante eredità, risalente a tantissimi anni addietro, quando le convenzioni con i privati non venivano fatte rispettare. La situazione è complessa ma una mano ci è stata data dal c.d. Decreto del Fare, nella ridefinizione dei compiti. In pratica, ora, si offre al privato, la possibilità di intervenire sulla convenzione, formulando una nuova offerta dove sia preminente l’interesse pubblico. La Giunta, ne valuta poi il contenuto e se positivo autorizza il settore agli atti conseguenziali. Se invece è negativo, si procede al completamento delle opere in danno del proponente ed alla contestuale escussione della polizza prestata a garanzia. Si offre, insomma, una nuova possibilità di chiudere anni di mala gestione, nella salvaguardia dell’interesse pubblico».