IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

«Questi non sono tifosi ma delinquenti»

«Il calcio dovrebbe essere uno spettacolo, non so cosa è successo ma qualsiasi cosa sia successo è una cosa spiacevole».

Così ai microfoni della Rai il commissario tecnico della Nazionale italiana, Cesare Prandelli, ha commentato i gravi incidenti accaduti prima della finale di Coppa Italia fuori dallo stadio Olimpico.

«Sto andando all’Olimpico per premiare Fiorentina-Napoli. Scontri con feriti gravi. Questi non sono tifosi ma solo delinquenti!».

Lo ha scritto su Twitter il presidente del Senato, Pietro Grasso, sugli incidenti che si sono verificati a Roma prima dell’inizio della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli in programma questa sera allo stadio Olimpico.

LA VICENZA CHE SCUOTE IL WEB:

Gli uomini della questura hanno trattato con un capo ultrà, Genny ‘a Carogna, che inneggiava a Antonino Speziale, ultras condannato per la morte del poliziotto Filippo Raciti. Si tratta di Gennaro De Tommaso, figlio di Ciro, affiliato al clan Misso.

Il capitano del Napoli Marek Hamsik e le autorità hanno quasi dovuto concordare l’avvio della gara con il capo ultras partenopeo: per evitare di creare ulteriori problemi di ordine pubblico, sono stati costretti a un conciliabolo con il figlio di Ciro De Tommaso, camorrista affiliato al clan Misso, è già destinatario di Daspo e ha alle spalle vari precedenti giudiziari (fu arrestato per droga). Trattativa in diretta tv, con tanto di maglia nera del capo ultras: “Speziale libero”, in riferimento ad Antonino Speziale, tifoso catanese condannato per la morte del poliziotto Filippo Raciti, ucciso dopo il derby Catania-Palermo del 2 febbraio 2007.

X