IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Un masterplan partecipato per Collemaggio

«Al laboratorio progettuale di Bioarchitettura, in collaborazione con l’università di Bologna, facoltà d’Architettura, e in convenzione con l’Asl1, sono aperte le iscrizioni fino al 15 dicembre». A dichiararlo è la Fondazione italiana di Bioarchitettura.

«Il Laboratorio progettuale di Bioarchitettura, nella sua 13esima edizione – si legge nella nota – in collaborazione con

l’Università di Bologna e sotto la guida di un progettista di fama internazionale (l’architetto

Christian Schaller di Colonia), affronterà la riqualificazione di Collemaggio, un’area di

importanza storica e strategica per L’Aquila».

«Una sfida professionalizzante – si legge ancora nella nota – rivolta a laureati in discipline scientifiche con l’obiettivo di elaborare

un progetto urbanistico e architettonico dai decisi connotati ecologici. Di più, è previsto che il preprogetto

finale venga preventivamente “adottato” dall’Amministrazione pubblica, l’Asl1, che, se

possibile, si impegnerà a realizzarlo – ecologia significa anche non sprecare tanto pensiero e lavorocoinvolgendo

i partecipanti in tal modo non in una generica elaborazione ma in una pratica del

progetto condizionata, compiuta nel reale, guidata da regolamenti, esigenze e richieste, risorse,

costi».

«Gli argomenti – si legge nella nota – prescelti ed elaborati attraverso un primo processo partecipativo aperto a interessati,

coinvolgono riflessioni e discipline diverse, interventi a scale differenti, ove ciascuno trova

l’opportunità per affrontare e definire l’ambito a lui più congeniale. Lavorare insieme consente di

porsi su un livello concreto e strategicamente più elevato rispetto alla pratica corrente, consentendo

la riscoperta del significato e degli strumenti del mestiere progettuale. Trasformare una sommatoria

di tecnologie e materiali ecocompatibili e biosostenibili in un luogo accogliente richiede scelte

consapevoli. La razionalistica coerenza tra forma e funzione viene sostituita dalla facilità di

antropizzazione dello spazio, dalla percezione del sentirsi a casa, di mettere le radici».

«Leggere l’area di Collemaggio – conclude la nota – luogo simbolo del tessuto urbano aquilano, gravemente distrutto dal

terremoto, come organismo, luogo privilegiato di produzione, significa relazionarsi con lo spazio e

il tempo, con la variazione e la permanenza, con la storia e la geografia, con i bisogni della gente,

con le esigenze e fruizioni complementari a L’Aquila per quando sarà ricostruita».

X